jump to navigation

sole e luna luglio 20, 2006

Posted by lastrologa in luna, sole, tema natale.
1 comment so far

sole e luna

Sole e Luna sono le due polarità della personalità dell’individuo: il Sole portatore di energia vitalistica, attiva e potentemente luminosa, orgoglioso dei suoi organi riproduttivi, parallelo alla Luna, che simboleggia l’energia femminile del grembo e dell’impulso senza il quale non può avvenire nessuna riproduzione della specie. L’elemento del Sole è il fuoco quello della Luna è l’acqua.
Se da una parte in un tema natale la Luna porta con sé il significato univoco di madre e di donna non avviene altrettanto col Sole, che non sempre è rappresentativo del padre e ha bisogno di altri elementi perché, in un tema natale, si possa delineare la figura paterna o maschile.
Spesso è Saturno, con la sua simbologia di autorevolezza e di vecchiaia, che, su questo, dà molte più indicazioni.
Va comunque detto che Sole e Luna insieme creano l’archetipo dei genitori e che, sempre insieme, nell’analisi di un tema, sono i due nuclei portanti dell’io, l’uno diurno maschile attivo, l’altro notturno femminile passivo.
I rapporti tra i due pianeti sono dunque di estrema importanza perché queste due parti della personalità possano crescere e svilupparsi in maniera equilibrata ed armonica, e la situazione ideale tra i due luminari sarebbe la loro totale assenza di rapporti.
I rapporti conflittuali tra i due pianeti, come gli aspetti negativi, ci possono raccontare sia di reali separazioni tra i genitori quanto di ostilità tra la parte maschile e quella femminile dell’io ma c’è da sottolineare che anche gli aspetti generalmente considerati positivi sono portatori di conflitti, o di mancato sviluppo di una delle parti della personalità, anche se in maniera più blanda.

la narrazione del tema luglio 11, 2006

Posted by lastrologa in tema natale, zodiaco.
add a comment

zodiaco

Cosa ci racconta un tema natale o una carta del cielo o un oroscopo personale, chiamiamolo un po’ come ci pare?
Col senno di poi, alcuni astrologi dicono che c’è scritto tutto, ma proprio tutto. Tutte le potenzialità e i loro possibili sviluppi. Tutti gli incastri e le opportunità di un temperamento. Va solo interpretato.
Ora. L’iconografia zodiacale mi appassiona.
Mi appassionano i segni che portano al loro interno molteplici significati. Mi appassionano i simboli che provengono da sapienze antiche e millenarie e che hanno a che fare con lo sguardo dell’uomo al cielo misterioso e con la sua ininterrotta curiosità del futuro.
Mi appassionano le linee tracciate tra un pianeta e l’altro che in un tema natale sono la narrazione del conflitto o della benevolenza, dei limiti e dei confini tra casa e casa, il tentativo di delimitare il tempo e le età della vita, gli ambiti, le relazioni, le progressioni, il cammino.
Mi appassiona, infine, che tutto ciò si animi creandosi come disegno e come rappresentazione grafica: al centro il soggetto e attorno, ad avvolgerlo, la geometria della sua vita.
Strano, no?
Lasciarsi raccontare da una carta astrale quello che ci può raccontare è anche un’operazione visiva.
E’ lasciarsi condurre da una linea di opposizione tra un pianeta e l’altro, che taglia in due il cerchio dello zodiaco, e che subito ci mostra un conflitto o un nodo da sciogliere,così come saltano agli occhi gli agglomerati di pianeti, tutti lì, tutti in uno stesso punto, ad indicarci il monotematico.
E’ per questo che mi piace disegnarle, le carte, perché man mano che trasporto con la matita un simbolo nella sua posizione esatta e tiro le linee delle sue relazioni con gli altri simboli che sono dentro al cerchio, in qualche modo faccio già una prima traduzione.